Chi siamo

inQuiete è un progetto della Libreria delle donne Tuba e dell’Associazione MIA. Siamo un gruppo di donne che condividono passioni e ideali, con un’esperienza di lungo corso nella produzione culturale. inQuiete è nato grazie al coinvolgimento di centinaia di persone che hanno creduto in questo festival di scrittrici e ci hanno aiutate a realizzare la prima edizione: senza il loro contributo non ci saremmo riuscite. In primo luogo le autrici  che ci hanno detto di sì con entusiasmo, le attrici, le animatrici degli spazi laboratoriali, tutte le persone che hanno contribuito economicamente, e tutte quelle che ci hanno scritto per incoraggiarci e partecipare, le associazioni e realtà imprenditoriali che ci hanno sostenute, e la rete di progetti che ha messo a disposizione energie e competenze. inQuiete è una comunità.

Il gruppo di lavoro

Barbara Leda Kenny è socia della libreria delle donne Tuba dal 2007 e caporedattrice di  ingenere.it, webmagazine su economia e società in una prospettiva di genere. È un’attivista femminista e ha partecipato a progetti e network nazionali e internazionali. Ama leggere saghe familiari, grandi avventure, gialli svedesi e poesia latinoamericana.

Viola Lo Moro è socia della libreria delle donne Tuba. È redattrice della rivista femminista DWF e socia dei Conigli Bianchi, un’associazione che lotta attraverso l’arte gli stigmi legati alle persone sieropositive. È una attivista lesbo femminista. Come lettrice ama la letteratura angloamericana, i romanzi familiari e storici, la poesia e i romanzi di avventura.

Francesca Mancini ha lavorato molti anni nell’editoria e presso l’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio. Attualmente si occupa di pubbliche relazioni e eventi per ActionAid Italia. Ha ideato e organizzato diversi festival letterari, tra i quali Gita al faro e Procida Racconta, Leggo per legittima difesa. La lettura è il suo più grande spazio di libertà.

Barbara Piccolo è socia della libreria delle donne Tuba. Dopo anni trascorsi tra progettazione, educazione, diritti delle donne e intercultura, ha imparato, da libraia, a connettersi alle persone attraverso le pagine scritte, preferibilmente di donne.Appassionata di storia e di storie, legge per vivere quelle che non le sono capitate e per conoscere la complessità del mondo.

Maddalena Vianello è una professionista della progettazione e organizzazione culturale. Attualmente lavora all’Assessorato alle Pari Opportunità del Lazio. Militante femminista, tiene il blog Femministerie con altre compagne di avventura. Ha pubblicato “Fra me e te” (2013). È dipendente dai romanzi, quelli belli, ma soprattutto coraggiosi.